Il primo passo per la restituzione alla collettività dei beni appartenenti alla criminalità organizzata è la confisca definitiva. Il quadro normativo nazionale sulla confisca dei beni è, a livello europeo, il più innovativo e completo nonostante le criticità che saranno segnalate nel corso della trattazione. Ma, oltre al valore giuridico, non è da sottovalutare la dimensione sociale della norma. La restituzione dei beni confiscati alla mafia alla collettività è un forte segnale dell’efficacia dell’azione di contrasto alla criminalità organizzata. Per questi motivi, al fine di rafforzare il significato simbolico dei beni, è fondamentale che tutti i percorsi di destinazione dei beni siano trasparenti, in modo tale da ridurre il rischio d’infiltrazioni mafiose. In questa sede, l’obiettivo non è di analizzare l’evoluzione legislativa in materia di gestione e destinazione dei beni confiscati ma, partendo da alcune norme, costruire uno scenario all’interno del quale poter segnare le principali tappe normative e leggere i casi di studio proposti attraverso un approccio sociologico.

Costantino S., V.B., Tumminelli G. (2018). Gestione "diretta" dei beni confiscati: il caso italiano. In La destinazione dei beni confiscati alle mafie nell'Unione Europea: normative e prassi applicative a confronto (pp. 163-187). ITA : FrancoAngeli.

Gestione "diretta" dei beni confiscati: il caso italiano

Tumminelli G.
2018-01-01

Abstract

Il primo passo per la restituzione alla collettività dei beni appartenenti alla criminalità organizzata è la confisca definitiva. Il quadro normativo nazionale sulla confisca dei beni è, a livello europeo, il più innovativo e completo nonostante le criticità che saranno segnalate nel corso della trattazione. Ma, oltre al valore giuridico, non è da sottovalutare la dimensione sociale della norma. La restituzione dei beni confiscati alla mafia alla collettività è un forte segnale dell’efficacia dell’azione di contrasto alla criminalità organizzata. Per questi motivi, al fine di rafforzare il significato simbolico dei beni, è fondamentale che tutti i percorsi di destinazione dei beni siano trasparenti, in modo tale da ridurre il rischio d’infiltrazioni mafiose. In questa sede, l’obiettivo non è di analizzare l’evoluzione legislativa in materia di gestione e destinazione dei beni confiscati ma, partendo da alcune norme, costruire uno scenario all’interno del quale poter segnare le principali tappe normative e leggere i casi di studio proposti attraverso un approccio sociologico.
Costantino S., V.B., Tumminelli G. (2018). Gestione "diretta" dei beni confiscati: il caso italiano. In La destinazione dei beni confiscati alle mafie nell'Unione Europea: normative e prassi applicative a confronto (pp. 163-187). ITA : FrancoAngeli.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il caso italiano Tumminelli.pdf

accesso aperto

Dimensione 450.73 kB
Formato Adobe PDF
450.73 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/404779
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact