Gestione "diretta" dei beni confiscati: il caso italiano