Salvatore Riccobono tra il ‘genio di Roma’ e il fascismo. Parte I