Rifugiati ambientali, i nuovi profughi del millennio