"I Miserabili". Père Hugo e il silenzio dei suoi innocenti