"Fiála e t’in’ Zóti" (1912-1915): tra oralità e scrittura