Il contributo affronta il tema delle indagini digitali tramite dispositivo telefonico. Ci si chiede mediante quali mezzi di ricerca della prova si possono acquisire tutte le informazioni utili alle indagini contenute in un telefono cellulare e se, per il buon esito delle stesse, sia consentito servirsi incondizionatamente del dispositivo, procedendo a una immediata ispezione o perquisizione, ovvero se non sia più opportuno che l'apparecchio venga sottoposto a sequestro e, con l'ausilio di esperti, procedere all'analisi e all'acquisizione dei dati ivi contenuti mediante un accertamento tecnico che, in molti casi, può assumere il connotato della irripetibilità. Ci si chiede, inoltre, se è ragionevole l'indirizzo della giurisprudenza di legittimità secondo cui sarebbe concesso alla polizia giudiziaria, una volta assunta la disponibilità del dispositivo, utilizzarlo per rispondere alle telefonate ivi pervenute ovvero per reperire i dati tramite lettura degli stessi sul display in tempo reale, trattandosi di attività che la p.g. può effettuare motu proprio.

Scaccianoce Caterina (2019). Approvvigionamento di flussi e dati tramite il dispositivo telefonico altrui. In Adolfo Scalfati (a cura di), Le indagini atipiche. Seconda edizione (pp. 101-128). Torino : Giappichelli.

Approvvigionamento di flussi e dati tramite il dispositivo telefonico altrui

Scaccianoce Caterina
2019-01-01

Abstract

Il contributo affronta il tema delle indagini digitali tramite dispositivo telefonico. Ci si chiede mediante quali mezzi di ricerca della prova si possono acquisire tutte le informazioni utili alle indagini contenute in un telefono cellulare e se, per il buon esito delle stesse, sia consentito servirsi incondizionatamente del dispositivo, procedendo a una immediata ispezione o perquisizione, ovvero se non sia più opportuno che l'apparecchio venga sottoposto a sequestro e, con l'ausilio di esperti, procedere all'analisi e all'acquisizione dei dati ivi contenuti mediante un accertamento tecnico che, in molti casi, può assumere il connotato della irripetibilità. Ci si chiede, inoltre, se è ragionevole l'indirizzo della giurisprudenza di legittimità secondo cui sarebbe concesso alla polizia giudiziaria, una volta assunta la disponibilità del dispositivo, utilizzarlo per rispondere alle telefonate ivi pervenute ovvero per reperire i dati tramite lettura degli stessi sul display in tempo reale, trattandosi di attività che la p.g. può effettuare motu proprio.
Settore IUS/16 - Diritto Processuale Penale
Scaccianoce Caterina (2019). Approvvigionamento di flussi e dati tramite il dispositivo telefonico altrui. In Adolfo Scalfati (a cura di), Le indagini atipiche. Seconda edizione (pp. 101-128). Torino : Giappichelli.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
07 Scaccianoce [101-128]_estratto.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 533.24 kB
Formato Adobe PDF
533.24 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/391707
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact