La rivoluzione digitale ha causato in questi anni un significativo disalli- neamento tra chi subisce le conseguenze delle nuove forme economiche e la distribuzione delle responsabilità regolative tra i diversi attori. Il risultato è che le città sono le più colpite dai cambiamenti in atto, ma non sempre hanno strumenti adeguati a fronteggiare le novità e interpretarle secondo i propri bisogni e necessità. A partire da queste premesse, il presente lavoro analizza l’impatto delle tecnologie digitali sul tessuto socio-economico delle città e ragiona sulle contrapposte esigenze di politiche ritagliate sulle spe- cificità locali e, al contempo, di regole omogenee per il mercato. Su questa ineliminabile tensione tra uniformità del mercato e sperimentazione delle città si giocano molte delle questioni più spinose emerse in questi anni in tema di economia digitale. In questo quadro, diviene indispensabile combi- nare la riflessione in tema di impatto dell’economia digitale sull’ambiente urbano e sulle politiche pubbliche a livello locale con l’analisi delle ragioni di crisi del modello di regolazione dei mercati. Solo così è possibile affrontare le sfide poste dalla rivoluzione digitale al governo delle città – salvaguardare l’ambiente urbano e la comunità che lo abita, garantire il diritto alla casa, tutelare il lavoro – e, allo stesso tempo, pensare alle tante sfide globali in cui sono le città a dover giocare un ruolo da protagoniste, dalla mobilità soste- nibile alla riconversione energetica.

smorto, g. (2019). Autonomie locali e politiche pubbliche per l’economia digitale. LE ISTITUZIONI DEL FEDERALISMO, 2019(4), 891-917.

Autonomie locali e politiche pubbliche per l’economia digitale

smorto, g
2019-01-01

Abstract

La rivoluzione digitale ha causato in questi anni un significativo disalli- neamento tra chi subisce le conseguenze delle nuove forme economiche e la distribuzione delle responsabilità regolative tra i diversi attori. Il risultato è che le città sono le più colpite dai cambiamenti in atto, ma non sempre hanno strumenti adeguati a fronteggiare le novità e interpretarle secondo i propri bisogni e necessità. A partire da queste premesse, il presente lavoro analizza l’impatto delle tecnologie digitali sul tessuto socio-economico delle città e ragiona sulle contrapposte esigenze di politiche ritagliate sulle spe- cificità locali e, al contempo, di regole omogenee per il mercato. Su questa ineliminabile tensione tra uniformità del mercato e sperimentazione delle città si giocano molte delle questioni più spinose emerse in questi anni in tema di economia digitale. In questo quadro, diviene indispensabile combi- nare la riflessione in tema di impatto dell’economia digitale sull’ambiente urbano e sulle politiche pubbliche a livello locale con l’analisi delle ragioni di crisi del modello di regolazione dei mercati. Solo così è possibile affrontare le sfide poste dalla rivoluzione digitale al governo delle città – salvaguardare l’ambiente urbano e la comunità che lo abita, garantire il diritto alla casa, tutelare il lavoro – e, allo stesso tempo, pensare alle tante sfide globali in cui sono le città a dover giocare un ruolo da protagoniste, dalla mobilità soste- nibile alla riconversione energetica.
Settore IUS/02 - Diritto Privato Comparato
Settore IUS/01 - Diritto Privato
https://www.regione.emilia-romagna.it/affari_ist/rivista_4_2019/Smorto.pdf
smorto, g. (2019). Autonomie locali e politiche pubbliche per l’economia digitale. LE ISTITUZIONI DEL FEDERALISMO, 2019(4), 891-917.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
IdF.pdf

accesso aperto

Descrizione: full text
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 440.55 kB
Formato Adobe PDF
440.55 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/391365
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact