John Ruskin, dal restauro come distruzione al ripristino filologico