Paremiologia e toponomastica: il caso di Vera Luce