La lingua “inventata” di Andrea Camilleri: il peso della parola dialettale