Giacinta, Giustina e le altre: Luigi Capuana tra fotografia e nevrosi di fine secolo