La nuova disciplina della partecipazione a distanza, introdotta dalla l. n. 103 del 2017, segna una svolta profonda nelle sintassi delle garanzie partecipative: la previsione, per default, di una modalità di aula giudiziaria “estesa” per lo svolgimento di ogni atto che comporti, a qualsiasi titolo, la partecipazione di soggetti in status custodiae per delitti particolarmente gravi muta in profondità le soglie qualitative dei modelli interrelazionali delle procedure giudiziarie e delle correlative garanzie. Il contributo si sofferma sulle risorse tecnologiche oggi adoperate nelle videoconferenze giudiziarie, avendo cura di raffrontarle con le ben più avanzate tecnologie già oggi disponibili in contesti extraprocessuali: l’incremento degli investimenti tecnologici circa gli apparati di supporto all’esame e alla partecipazione giudiziaria a distanza appare sentiero obbligato allo scopo di ridurre il gap, ancora cospicuo, tra le presenze fisiche e le modalità di telepresenza, così prevenendo rischi di ingiustificabili compressioni di primarie garanzie di contesto.

DI CHIARA G (2018). "Come s’uno schermo". Partecipazione a distanza, efficienza, garanzie, upgrade tecnologici. RIVISTA DI DIRITTO PROCESSUALE, LXXIII(6), 1479-1505.

"Come s’uno schermo". Partecipazione a distanza, efficienza, garanzie, upgrade tecnologici

DI CHIARA G
2018

Abstract

La nuova disciplina della partecipazione a distanza, introdotta dalla l. n. 103 del 2017, segna una svolta profonda nelle sintassi delle garanzie partecipative: la previsione, per default, di una modalità di aula giudiziaria “estesa” per lo svolgimento di ogni atto che comporti, a qualsiasi titolo, la partecipazione di soggetti in status custodiae per delitti particolarmente gravi muta in profondità le soglie qualitative dei modelli interrelazionali delle procedure giudiziarie e delle correlative garanzie. Il contributo si sofferma sulle risorse tecnologiche oggi adoperate nelle videoconferenze giudiziarie, avendo cura di raffrontarle con le ben più avanzate tecnologie già oggi disponibili in contesti extraprocessuali: l’incremento degli investimenti tecnologici circa gli apparati di supporto all’esame e alla partecipazione giudiziaria a distanza appare sentiero obbligato allo scopo di ridurre il gap, ancora cospicuo, tra le presenze fisiche e le modalità di telepresenza, così prevenendo rischi di ingiustificabili compressioni di primarie garanzie di contesto.
Settore IUS/16 - Diritto Processuale Penale
DI CHIARA G (2018). "Come s’uno schermo". Partecipazione a distanza, efficienza, garanzie, upgrade tecnologici. RIVISTA DI DIRITTO PROCESSUALE, LXXIII(6), 1479-1505.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Di Chiara Come s'uno schermo RDP 2018 (estratto).pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 238.88 kB
Formato Adobe PDF
238.88 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/350600
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact