Il "genio" dal Trecento al Cinquecento