L’«archivio della memoria» tra 'biografia' e ‘diario’