‹‹Una scherma amorosa››: Bufalino e il lettore