The essay investigates the ways in which Bufalino directs and remotely controls the process of reading his own works. By assigning an intriguing game of mirrors, refractions and mise en abyme, the author inserts allegorical episodes and apologues into the narration, that summarize in themselves the whole sense of the story and bring together figures of readers. The attention of the reader, put on alert by the spies disseminated in the text, is often conveyed on a trajectory in some ways 'obliged': moving from the clues predisposed with shrewdness by the narrator the interpretation is concentrated on certain significant nodes, setting aside the others, any possible hints.

Il saggio indaga le modalità con cui Bufalino indirizza e controlla a distanza il processo di lettura delle proprie opere, Congegnando un intrigante gioco di specchi, di rifrazioni e di mise en abyme, l’autore inserisce all’interno della narrazione episodi e apologhi allegorici, che compendiano in sé l’intero senso del racconto e mettono in scene figure di lettori. L’attenzione del lettore, messa in allerta dalle spie disseminate a bella posta nel testo, è convogliata spesso su una traiettoria per certi versi ‘obbligata’: muovendo dagli indizi predisposti con avvedutezza dal narratore l’interpretazione si concentra giocoforza su certi nodi significativi, mettendo da parte gli altri, eventuali spunti percorribili.

Carmina, C. (2011). ‹‹Una scherma amorosa››: Bufalino e il lettore. In I. Crotti, R. Ricorda, E. Del Tedesco, A. Zava (a cura di), Autori, lettori e mercato nella modernità letteraria (pp. 483-488). Pisa : ETS.

‹‹Una scherma amorosa››: Bufalino e il lettore

Carmina, C.
2011-01-01

Abstract

Il saggio indaga le modalità con cui Bufalino indirizza e controlla a distanza il processo di lettura delle proprie opere, Congegnando un intrigante gioco di specchi, di rifrazioni e di mise en abyme, l’autore inserisce all’interno della narrazione episodi e apologhi allegorici, che compendiano in sé l’intero senso del racconto e mettono in scene figure di lettori. L’attenzione del lettore, messa in allerta dalle spie disseminate a bella posta nel testo, è convogliata spesso su una traiettoria per certi versi ‘obbligata’: muovendo dagli indizi predisposti con avvedutezza dal narratore l’interpretazione si concentra giocoforza su certi nodi significativi, mettendo da parte gli altri, eventuali spunti percorribili.
Settore L-FIL-LET/11 - Letteratura Italiana Contemporanea
Carmina, C. (2011). ‹‹Una scherma amorosa››: Bufalino e il lettore. In I. Crotti, R. Ricorda, E. Del Tedesco, A. Zava (a cura di), Autori, lettori e mercato nella modernità letteraria (pp. 483-488). Pisa : ETS.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
bufalino_e_il_lettore.doc

Solo gestori archvio

Descrizione: saggio Bufalino e le strategie di ricezione dell'opera
Tipologia: Pre-print
Dimensione 57 kB
Formato Microsoft Word
57 kB Microsoft Word   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/338125
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact