La città interetnica, un modello possibile: il caso Palermo