Diritti negati e morte nel Canale di Sicilia