Wittgenstein come etnografo del pensare