Sono arrabbiato e sono antropologo. Blues lévi-straussiano su un’emozione furente