L’ufficio della collettoria di Sicilia e la struttura istituzionale della chiesa palermitana. Da un inedito conto della decima della metà del Trecento