Leggendo l'Anonimo Maltese. Alcune considerazioni su Giorgio di Antiochia