Communicating Italian design, intended as a Made in Italy product, implies a singular and dual design activity, that is the one that leads through the various sequential stages of communication design, to the realization of a communicative artifact in the last attempt to give a name, a face , a voice, a system of signs recognizable to a product design artifact. A close and two-way relationship that is interwoven between the two in a relationship that binds in two ways form and function, first in the product then in communication, finally in an indissoluble whole, in which the only design, characterized by its many names, becomes the only key to reading the speaking object. Something that goes well beyond problem solving, which is loaded along the path of meanings, contents, expressed between the links of a brand, a system of visual identity, a packaging, an exhibition, an advertising campaign, and imprints "marking it" on the object.

Comunicare il design italiano, inteso come prodotto Made in Italy, implica una singolare e duplice attività progettuale, ovvero quella che conduce attraverso le varie fasi sequenziali del design di comunicazione, alla realizzazione di un artefatto comunicativo nel tentativo ultimo di dare un nome, un volto, una voce, un sistema di segni riconoscibili a un artefatto di product design. Un rapporto stretto e biunivoco che si innesta tra i due in una relazione che lega a doppio filo forma e funzione, prima nel prodotto poi nella comunicazione, infine in un tutt’uno indissolubile, in cui il design soltanto, connotato dai suoi tanti nomi, diventa l’unica chiave di lettura dell’oggetto parlante. Qualcosa che va ben aldilà del problem solving, che si carica lungo il percorso di significati, contenuti, espressi tra le maglie di un marchio, di un sistema di identità visiva, di un packaging, di un allestimento, di una campagna pubblicitaria, e si imprime «marchiandolo» sull’oggetto.

Ferrara, C. (2011). Raccolta iconografica. In C. PARIS Tonino (a cura di), Il design italiano 20.00.11 antologia (pp. 39-55). Roma : Design Press.

Raccolta iconografica

Ferrara, Cinzia
2011

Abstract

Comunicare il design italiano, inteso come prodotto Made in Italy, implica una singolare e duplice attività progettuale, ovvero quella che conduce attraverso le varie fasi sequenziali del design di comunicazione, alla realizzazione di un artefatto comunicativo nel tentativo ultimo di dare un nome, un volto, una voce, un sistema di segni riconoscibili a un artefatto di product design. Un rapporto stretto e biunivoco che si innesta tra i due in una relazione che lega a doppio filo forma e funzione, prima nel prodotto poi nella comunicazione, infine in un tutt’uno indissolubile, in cui il design soltanto, connotato dai suoi tanti nomi, diventa l’unica chiave di lettura dell’oggetto parlante. Qualcosa che va ben aldilà del problem solving, che si carica lungo il percorso di significati, contenuti, espressi tra le maglie di un marchio, di un sistema di identità visiva, di un packaging, di un allestimento, di una campagna pubblicitaria, e si imprime «marchiandolo» sull’oggetto.
978-88-89819-28-9
Ferrara, C. (2011). Raccolta iconografica. In C. PARIS Tonino (a cura di), Il design italiano 20.00.11 antologia (pp. 39-55). Roma : Design Press.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
La_comunicazione_del_design_cinzia_ferrara.pdf

accesso aperto

Descrizione: articolo completo
Dimensione 3.18 MB
Formato Adobe PDF
3.18 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/293521
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact