L'articolo approfondisce alcune delle nuove modalità di espressione dei nuovi contenuti visuali il cui comune denominatore consiste nell'abbandono della narrazione descrittiva della realtà in favore di un utilizzo di tecniche di interazione tra gli elementi nello spazio sempre più avanzate e di dispositivi scenografici mobili, che possiamo collocare a partire dalle sperimentazioni teatrali di Erwin Piscator, soprattutto nella ridefinizione del rapporto uomo-macchina.

Vattano, S. (2018). Gli ambienti digitali nelle arti performative. In A. Luigini (a cura di), Ambienti digitali per l’educazione all’arte e al patrimonio (pp. 323-330). Milano : Franco Angeli.

Gli ambienti digitali nelle arti performative

Vattano, Starlight
2018-01-01

Abstract

L'articolo approfondisce alcune delle nuove modalità di espressione dei nuovi contenuti visuali il cui comune denominatore consiste nell'abbandono della narrazione descrittiva della realtà in favore di un utilizzo di tecniche di interazione tra gli elementi nello spazio sempre più avanzate e di dispositivi scenografici mobili, che possiamo collocare a partire dalle sperimentazioni teatrali di Erwin Piscator, soprattutto nella ridefinizione del rapporto uomo-macchina.
Settore ICAR/17 - Disegno
Vattano, S. (2018). Gli ambienti digitali nelle arti performative. In A. Luigini (a cura di), Ambienti digitali per l’educazione all’arte e al patrimonio (pp. 323-330). Milano : Franco Angeli.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Gli ambienti digitali nelle arti performative.pdf

accesso aperto

Dimensione 3.57 MB
Formato Adobe PDF
3.57 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/290680
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact