A proposito di alcuni recenti studi sui carmi della «Anthologia latina»