Si potrebbero ricostruire le storie delle cose anche solo ripercorrendo le trasformazioni delle parole che le contraddistinguono, le quali, avvicendandosi, custodiscono ben più di quello che lasciano trasparire dal semplice accostamento di una serie di glifi, a cui corrispondono suoni, segni e significati. Così i passaggi non semplici dalla generica definizione cose d’interesse artistico e storico, come viene riportato nella longeva legge 1° giugno 1939, n. 1089, conosciuta come legge Bottai dal nome del suo relatore20, che è considerata fondamentale in materia di tutela (oggi confluita nel Testo Unico dei beni culturali, D. lgs. 29 ottobre 1999, n. 490), alla definizione più precisa e circostanziata di beni culturali, come riportato per la prima volta nella Convenzione dell’Aja del 1954 (per la protezione dei beni culturali materiali in caso di conflitto armato) e poi nella Convenzione di Parigi del 2003 (per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale) [...].

Ferrara, C. (2012). Sistemi di identità visiva per i luoghi della cultura. In T.M. BAROSIO M. (a cura di), I PAESAGGI CULTURALI Costruzione, promozione, gestione (pp. 335-345). MILANO : Egea.

Sistemi di identità visiva per i luoghi della cultura

Ferrara, Cinzia
2012-01-01

Abstract

Si potrebbero ricostruire le storie delle cose anche solo ripercorrendo le trasformazioni delle parole che le contraddistinguono, le quali, avvicendandosi, custodiscono ben più di quello che lasciano trasparire dal semplice accostamento di una serie di glifi, a cui corrispondono suoni, segni e significati. Così i passaggi non semplici dalla generica definizione cose d’interesse artistico e storico, come viene riportato nella longeva legge 1° giugno 1939, n. 1089, conosciuta come legge Bottai dal nome del suo relatore20, che è considerata fondamentale in materia di tutela (oggi confluita nel Testo Unico dei beni culturali, D. lgs. 29 ottobre 1999, n. 490), alla definizione più precisa e circostanziata di beni culturali, come riportato per la prima volta nella Convenzione dell’Aja del 1954 (per la protezione dei beni culturali materiali in caso di conflitto armato) e poi nella Convenzione di Parigi del 2003 (per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale) [...].
Settore ICAR/13 - Disegno Industriale
Ferrara, C. (2012). Sistemi di identità visiva per i luoghi della cultura. In T.M. BAROSIO M. (a cura di), I PAESAGGI CULTURALI Costruzione, promozione, gestione (pp. 335-345). MILANO : Egea.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
I_paesaggi_culturali_cinzia_ferrara.pdf

Solo gestori archvio

Dimensione 588.79 kB
Formato Adobe PDF
588.79 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/289918
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact