Il tema del rapporto tra architettura e natura e’ stato occasione secolare di esplorazione e ricerca. Nelle sue declinazioni piu recenti questo rapporto ha osservato una sempre maggiore integrazione tra concetti che possono apparire antinomici. Il bisogno di Natura in Architettura ottiene una consacrazione con il pensiero di Le Corbusier: il tetto-giardino prima, esplicitazione della integrazione della natura in architettura, che mette sull’edificio moderno la dimensione naturale normalmente destinata al livello del giardino. Successivamente gli studi sulla citta’ moderna e la sua integrazione con i sistemi naturali e il verde fanno di Le Corbusier un paesaggista innovatore; con la Ville Contemporaine per tre milioni di abitanti (1922), Il Plano Voisin per Parigi (1925), e la Ville Radieuse per un milione e mezzo di abitanti (1929), Le Corbusier trasforma in chiave contemporanea e dirompente le teorizzazioni di Howard sulla Città-Giardino, delineando in forma ipermoderna il nuovo rapporto tra natura e sistemi urbani, la cui qualità genera una totale integrazione tra artificio e natura, disciplinando altresí una nuova gerarchia negli spazi pubblici.Il saggio esplora esperienze di trasformazioni del paesaggio urbano.

LEONE, M. (2018). Paesaggio, architettura e trasformazioni urbane: scelte consapevoli per il terzo millennio. In O. LONGO (a cura di), I WATERFRONT DEL GARDA - Esperienze e progetti (pp. 27-34). Santarcangelo di Romagna : Maggioli Editore.

Paesaggio, architettura e trasformazioni urbane: scelte consapevoli per il terzo millennio

LEONE, Manfredi
2018-01-01

Abstract

Il tema del rapporto tra architettura e natura e’ stato occasione secolare di esplorazione e ricerca. Nelle sue declinazioni piu recenti questo rapporto ha osservato una sempre maggiore integrazione tra concetti che possono apparire antinomici. Il bisogno di Natura in Architettura ottiene una consacrazione con il pensiero di Le Corbusier: il tetto-giardino prima, esplicitazione della integrazione della natura in architettura, che mette sull’edificio moderno la dimensione naturale normalmente destinata al livello del giardino. Successivamente gli studi sulla citta’ moderna e la sua integrazione con i sistemi naturali e il verde fanno di Le Corbusier un paesaggista innovatore; con la Ville Contemporaine per tre milioni di abitanti (1922), Il Plano Voisin per Parigi (1925), e la Ville Radieuse per un milione e mezzo di abitanti (1929), Le Corbusier trasforma in chiave contemporanea e dirompente le teorizzazioni di Howard sulla Città-Giardino, delineando in forma ipermoderna il nuovo rapporto tra natura e sistemi urbani, la cui qualità genera una totale integrazione tra artificio e natura, disciplinando altresí una nuova gerarchia negli spazi pubblici.Il saggio esplora esperienze di trasformazioni del paesaggio urbano.
2018
Settore ICAR/15 - Architettura Del Paesaggio
LEONE, M. (2018). Paesaggio, architettura e trasformazioni urbane: scelte consapevoli per il terzo millennio. In O. LONGO (a cura di), I WATERFRONT DEL GARDA - Esperienze e progetti (pp. 27-34). Santarcangelo di Romagna : Maggioli Editore.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
I waterfront del Garda_DEF_26032018.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: Libro intero
Dimensione 3.89 MB
Formato Adobe PDF
3.89 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/285722
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact