Il “meraviglioso” nell’opera del Seicento, ieri e oggi