Mazzini e Lamennais tra analogie e diververgenze