La sentenza di non luogo a procedere diventa nuovamente appellabile: ritorno al passato?