L'immobilità tragica della coscienza, ultima frontiera del 'curiosissimo', ne "L'adultera generosa" di Girolamo Brusoni