Lo spazio poetico del confine