Parola e silenzio nell'ultimo Cicerone: il caso della Philippica I