Sulla corrispondenza di Tullio Levi-Civita (1873-1941)