Utenze fragili e nuovi profili professionali