Sull’espressione non prototipica dell’agentività nei testi siciliani del XIV secolo