La parabola del contraddittorio endoprocedimentale nel procedimento tributario di accertamento sembrava essersi conclusa con le sentenze nn. 19667 e 19668 del 2014, rese a sezioni unite della Suprema Corte, mediante il definitivo riconoscimento dell’immanenza dello stesso al nostro sistema. Tuttavia le stesse sezioni unite con la sentenza n. 24283 del 2015 hanno riaperto la problematica, trovando la soluzione, giudicata opinabile in dottrina, di confinare la generalizzata obbligatorieta` del contraddittorio ai soli tributi cd. “armonizzati”. L’intendimento di definire la questione alla luce dei principi europei, pero` , poteva forse suggerire una diversa soluzione, e cioe` una via che, recependo i criteri ermeneutici suggeriti dalla Corte costituzionale con la sentenza n. 132 del 2015, cercasse di trovare all’interno del nostro ordinamento delle norme di principio che, in via potenziale, ed interpretate alle luce dei criteri provenienti dalla Corte di giustizia, potessero legittimare l’applicazione del contraddittorio in via generalizzata, evitando cosı` le inevitabili difficolta` pratiche e teoriche generate dalla scelta di confinare l’istituto ai soli tributi armonizzati

Perrone, A. (2017). DALLA CORTE COSTITUZIONALE UNA POSSIBILE SOLUZIONE ALLA TORMENTATA QUESTIONE DEL CONTRADDITTORIO ENDOPROCEDIMENTALE TRIBUTARIO. DIRITTO E PRATICA TRIBUTARIA, 88(3), 921-953.

DALLA CORTE COSTITUZIONALE UNA POSSIBILE SOLUZIONE ALLA TORMENTATA QUESTIONE DEL CONTRADDITTORIO ENDOPROCEDIMENTALE TRIBUTARIO

PERRONE, Antonio
2017

Abstract

La parabola del contraddittorio endoprocedimentale nel procedimento tributario di accertamento sembrava essersi conclusa con le sentenze nn. 19667 e 19668 del 2014, rese a sezioni unite della Suprema Corte, mediante il definitivo riconoscimento dell’immanenza dello stesso al nostro sistema. Tuttavia le stesse sezioni unite con la sentenza n. 24283 del 2015 hanno riaperto la problematica, trovando la soluzione, giudicata opinabile in dottrina, di confinare la generalizzata obbligatorieta` del contraddittorio ai soli tributi cd. “armonizzati”. L’intendimento di definire la questione alla luce dei principi europei, pero` , poteva forse suggerire una diversa soluzione, e cioe` una via che, recependo i criteri ermeneutici suggeriti dalla Corte costituzionale con la sentenza n. 132 del 2015, cercasse di trovare all’interno del nostro ordinamento delle norme di principio che, in via potenziale, ed interpretate alle luce dei criteri provenienti dalla Corte di giustizia, potessero legittimare l’applicazione del contraddittorio in via generalizzata, evitando cosı` le inevitabili difficolta` pratiche e teoriche generate dalla scelta di confinare l’istituto ai soli tributi armonizzati
Settore IUS/12 - Diritto Tributario
Perrone, A. (2017). DALLA CORTE COSTITUZIONALE UNA POSSIBILE SOLUZIONE ALLA TORMENTATA QUESTIONE DEL CONTRADDITTORIO ENDOPROCEDIMENTALE TRIBUTARIO. DIRITTO E PRATICA TRIBUTARIA, 88(3), 921-953.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
articolo pubblicato DPT_03_2017_0921-PERRONE (1).pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 216.74 kB
Formato Adobe PDF
216.74 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/239048
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact