The objective of energy use and emissions reduc-tions, enunciated in many European Directives, has emphasized the need to promote the improvement of energy efficiency of existing buildings. Local administrations, in particular, should submit their own buildings to energy retrofit, not only to re-spect the Directives, but also to make those build-ings an example of an active environmental culture and to induce similar improvement in private build-ings, on the basis of financial appraisal of feasibility, which can be facilitated by incentives. The “Unione Province di Italia” (UPI) in 2013, within the POI Energy (Interregional Operative Program), requested energy audits and projects of the energy retrofit for 150 public buildings located in the 4 Italian Regions of the "Objective Convergence" (Campania, Puglia, Calabria and Sicily). In this study, a methodological proposal is elaborat-ed, including a Cash Flow Analysis and an analysis of risk and uncertainty through the Monte Carlo method, to appraise the cost-effectiveness of retrofit actions in public buildings. The methodology is ap-plied to a sample of 36 actions, and it allows getting some economic-financial indicators (Net Present Value NPV and Payback Period) able to support the public decision process for selecting the best alter-natives to be realized. The evaluation model is direct to search those conditions that assure the profitabil-ity and to know how much the currently available in-centives are a practical financial tool (not-refundable incentives of the Conto Termico 2.0, DM 16/02/2016). The financial analysis is integrated with a risk analy-sis, which evaluates the sensibility of the results to the inputs of the model. The results of the study show that: a category of actions never get the finan-cial profitability; some actions have a positive NPV but a quite long Payback Period (higher than 15 years) only with the adequate incentives; finally, a category of actions has a positive NPV and short Payback Period (lower than 16 years) and are even profitable under low favorable market conditions. This last category could be particularly attractive for the Public Administration that intends to make ac-tions that reach energy saving and economic-financial profitability.

Gli obiettivi di riduzione del consumo energetico e delle emissioni di gas serra, enunciati in molte Direttive europee, hanno posto in risalto la necessità di promuovere interventi di miglioramento dell’efficienza energetica del patrimonio edilizio esistente. Le amministrazioni locali, in particolare, dovrebbero assumersi la responsabilità di diffondere la cultura ambientale anche effettuando interventi di retrofit negli edifici pubblici di loro proprietà, sulla base di diagnosi energetiche degli edifici, di proposte progettuali e di verifiche del raggiungimento della convenienza finanziaria, che può essere agevolata dall’erogazione di incentivi. L’Unione Province d’Italia (UPI) nel 2013, nell’ambito del POI Energia, aveva richiesto la redazione di Audit energetici e di proposte di retrofit di 150 edifici pubblici localizzati nelle 4 Regioni italiane dell’“Obiettivo Convergenza” (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia). In questo studio è stata elaborata una proposta metodologica, che comprende l’analisi Costi-Ricavi e l’analisi di rischio e incertezza attraverso il metodo Monte Carlo, da seguire per stabilire la convenienza economico-finanziaria di interventi di retrofit in edifici pubblici. La metodologia è stata applicata a un campione di 36 interventi (distribuiti nelle 4 regioni) e ha permesso di ottenere alcuni indicatori di convenienza economico-finanziaria (Valore Attuale Netto e Tempo di rientro) adatti a supportare il processo decisionale pubblico di selezione delle ipotesi migliori da attuare. Il modello di valutazione indaga le condizioni che assicurano la fattibilità e in quale misura gli incentivi, attualmente disponibili per queste tipologie di intervento (incentivi a fondo perduto del Conto Termico 2.0, DM 16/02/2016), diventano strumenti efficaci per il raggiungimento della convenienza economica. Il processo di analisi finanziaria degli interventi si è arricchito di una analisi del rischio, che ha permesso di valutare la sensibilità dei risultati agli input impiegati nel modello. I risultati mostrano come alcuni interventi siano giudicati fattibili anche in condizioni di mercato meno favorevoli. E’ stato così possibile individuare: categorie di intervento che non raggiungono la convenienza; categorie di intervento che, con gli opportuni incentivi, hanno un VAN positivo ma un Periodo di rientro piuttosto lungo (superiore a 15 anni); infine, una categoria di interventi con un VAN positivo e un tempo di rientro più contenuto (inferiore a 16 anni). Quest’ultima categoria, in particolare, potrebbe essere di maggiore interesse per la Pubblica Amministrazione che intende attuare interventi in modo efficace sia sul piano del risparmio energetico che su quello economico-finanziario.

Napoli, G., Gabrielli, L., Barbaro, S. (2017). The efficiency of the incentives for the public buildings’ energy retrofit. The case of the Italian Regions of the “Objective Convergence”. VALORI E VALUTAZIONI, 18(18), 25-39.

The efficiency of the incentives for the public buildings’ energy retrofit. The case of the Italian Regions of the “Objective Convergence”

Napoli Grazia
;
BARBARO, Simona
2017-01-01

Abstract

Gli obiettivi di riduzione del consumo energetico e delle emissioni di gas serra, enunciati in molte Direttive europee, hanno posto in risalto la necessità di promuovere interventi di miglioramento dell’efficienza energetica del patrimonio edilizio esistente. Le amministrazioni locali, in particolare, dovrebbero assumersi la responsabilità di diffondere la cultura ambientale anche effettuando interventi di retrofit negli edifici pubblici di loro proprietà, sulla base di diagnosi energetiche degli edifici, di proposte progettuali e di verifiche del raggiungimento della convenienza finanziaria, che può essere agevolata dall’erogazione di incentivi. L’Unione Province d’Italia (UPI) nel 2013, nell’ambito del POI Energia, aveva richiesto la redazione di Audit energetici e di proposte di retrofit di 150 edifici pubblici localizzati nelle 4 Regioni italiane dell’“Obiettivo Convergenza” (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia). In questo studio è stata elaborata una proposta metodologica, che comprende l’analisi Costi-Ricavi e l’analisi di rischio e incertezza attraverso il metodo Monte Carlo, da seguire per stabilire la convenienza economico-finanziaria di interventi di retrofit in edifici pubblici. La metodologia è stata applicata a un campione di 36 interventi (distribuiti nelle 4 regioni) e ha permesso di ottenere alcuni indicatori di convenienza economico-finanziaria (Valore Attuale Netto e Tempo di rientro) adatti a supportare il processo decisionale pubblico di selezione delle ipotesi migliori da attuare. Il modello di valutazione indaga le condizioni che assicurano la fattibilità e in quale misura gli incentivi, attualmente disponibili per queste tipologie di intervento (incentivi a fondo perduto del Conto Termico 2.0, DM 16/02/2016), diventano strumenti efficaci per il raggiungimento della convenienza economica. Il processo di analisi finanziaria degli interventi si è arricchito di una analisi del rischio, che ha permesso di valutare la sensibilità dei risultati agli input impiegati nel modello. I risultati mostrano come alcuni interventi siano giudicati fattibili anche in condizioni di mercato meno favorevoli. E’ stato così possibile individuare: categorie di intervento che non raggiungono la convenienza; categorie di intervento che, con gli opportuni incentivi, hanno un VAN positivo ma un Periodo di rientro piuttosto lungo (superiore a 15 anni); infine, una categoria di interventi con un VAN positivo e un tempo di rientro più contenuto (inferiore a 16 anni). Quest’ultima categoria, in particolare, potrebbe essere di maggiore interesse per la Pubblica Amministrazione che intende attuare interventi in modo efficace sia sul piano del risparmio energetico che su quello economico-finanziario.
Settore ICAR/22 - Estimo
Napoli, G., Gabrielli, L., Barbaro, S. (2017). The efficiency of the incentives for the public buildings’ energy retrofit. The case of the Italian Regions of the “Objective Convergence”. VALORI E VALUTAZIONI, 18(18), 25-39.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
06_Napoli et al_indice_attrib eng_et_ita .pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo in lingua inglese e italiana
Dimensione 6.47 MB
Formato Adobe PDF
6.47 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/238813
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 27
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact