La capacità di riconoscere le emozioni facciali fa parte del più ampio dominio relativo alla cognizione sociale. Nel disturbo schizofrenico è presente un deficit dell’esperienza emotiva e dell’espressione appropriata delle emozioni. Numerosi studi hanno riscontrato in questi soggetti deficit a carico della capacità di riconoscimento delle emozioni facciali nonché della modulazione emotiva della voce. L’obiettivo dello studio è stato quello di indagare la presenza di un deficit a carico del riconoscimento delle emozioni facciali nei soggetti con esordio psicotico, posti a confronto con un gruppo di controlli sani. In particolare, si ipotizza nei pazienti una relazione tra il deficit di riconoscimento delle emozioni facciali ed un adattamento sociale premorboso compromesso. Nelle nostre analisi ci siamo posti almeno tre obiettivi: valutare l’adattamento sociale premorboso in pazienti e controlli; valutare le capacità di riconoscimento delle emozioni facciali in pazienti e controlli; osservare il ruolo dell’adattamento sociale premorboso nelle capacità attuali di riconoscimento delle emozioni facciali nei pazienti all’esordio psicotico rispetto ai controlli. Il campione preliminare è formato da 159 palermitani, 59 casi e 100 controlli, confrontabili in base al genere ed all’età, (mediamente 30 anni). Tutti i soggetti sono stati intervistati servendosi di un’ampia batteria testologica, somministrata in modo omogeneo nei diversi centri dello studio EU-GEI, indagante in modo completo i più riconosciuti fattori ambientali e genetici che giocano un ruolo nell’ambito della schizofrenia. Ai fini delle presenti ipotesi di ricerca sono state selezionate le risposte fornite al Degraded Facial Affect Recognition Task (DFAR) (van’t Wout, Aleman, Kessels, Laroi, & Kahn, 2004), impiegato per valutare la capacità di riconoscimento delle emozioni facciali ed alla Premorbid Adjustment Scale (PAS) (Cannon-Spoor, Potkin, & Wyatt, 1982) una delle scale di valutazione retrospettiva più utilizzate per indagare il livello di adattamento premorboso in cinque aree fondamentali. In tutti i modelli proposti, l’appartenenza al gruppo dei pazienti risulta spiegare la maggior parte della varianza nel numero di errori commessi al riconoscimento delle emozioni facciali. Ciò significa che, indipendentemente dal livello di compromissione sociale, i pazienti tendono a fare significativamente più errori dei controlli. Tuttavia, l’interazione con i pari nella prima adolescenza mostra di avere un’influenza negativa sul deficit di riconoscimento delle emozioni. Ciò significa che sia l’essere un paziente che l’avere avuto un maggior livello di compromissione sociale con i pari nella prima adolescenza, influenza negativamente la capacità di riconoscere le emozioni facciali, con una buona probabilità che quest’ultimo effetto sia maggiore nei pazienti rispetto ai controlli. I risultati esposti, seppur preliminari, sembrano supportare l’ipotesi di un probabile ruolo giocato dall’adattamento sociale premorboso, evidenziabile a 16 anni nel rapporto con i pari, nelle capacità attuali di riconoscimento delle emozioni facciali. L’idea immediatamente suggerita dal lavoro è quindi quella di utilizzare programmi di alfabetizzazione emotiva nella cura e riabilitazione del paziente per una presa in carico del suo disagio relazionale e supportare i programmi di educazione affettiva nel periodo scolastico, per consentire al bambino di imparare a riconoscere ciò che prova e ciò che potrebbero provare gli altri. In particolare si potrebbero avviare dei programmi che mirino allo sviluppo delle capacità di riconoscere le proprie emozioni, verbalizzarle e gestirle e che abbiano come obiettivo lo sviluppo delle capacità di empatia e di relazione.

Ferraro, L., Balatti, S., Seminerio, F., & LA BARBERA, D. (2017). Il riconoscimento delle emozioni facciali all’esordio psicotico.. In L. Baldari, L. Sideli, & D. La Barbera (a cura di), ALLE ORIGINI DELLA PSICOSI (pp. 102-112). Palermo : Nuova Ipsa Editore.

Il riconoscimento delle emozioni facciali all’esordio psicotico.

FERRARO, Laura
Conceptualization
;
SEMINERIO, Fabio
Membro del Collaboration Group
;
LA BARBERA, Daniele
Supervision
2017

Abstract

La capacità di riconoscere le emozioni facciali fa parte del più ampio dominio relativo alla cognizione sociale. Nel disturbo schizofrenico è presente un deficit dell’esperienza emotiva e dell’espressione appropriata delle emozioni. Numerosi studi hanno riscontrato in questi soggetti deficit a carico della capacità di riconoscimento delle emozioni facciali nonché della modulazione emotiva della voce. L’obiettivo dello studio è stato quello di indagare la presenza di un deficit a carico del riconoscimento delle emozioni facciali nei soggetti con esordio psicotico, posti a confronto con un gruppo di controlli sani. In particolare, si ipotizza nei pazienti una relazione tra il deficit di riconoscimento delle emozioni facciali ed un adattamento sociale premorboso compromesso. Nelle nostre analisi ci siamo posti almeno tre obiettivi: valutare l’adattamento sociale premorboso in pazienti e controlli; valutare le capacità di riconoscimento delle emozioni facciali in pazienti e controlli; osservare il ruolo dell’adattamento sociale premorboso nelle capacità attuali di riconoscimento delle emozioni facciali nei pazienti all’esordio psicotico rispetto ai controlli. Il campione preliminare è formato da 159 palermitani, 59 casi e 100 controlli, confrontabili in base al genere ed all’età, (mediamente 30 anni). Tutti i soggetti sono stati intervistati servendosi di un’ampia batteria testologica, somministrata in modo omogeneo nei diversi centri dello studio EU-GEI, indagante in modo completo i più riconosciuti fattori ambientali e genetici che giocano un ruolo nell’ambito della schizofrenia. Ai fini delle presenti ipotesi di ricerca sono state selezionate le risposte fornite al Degraded Facial Affect Recognition Task (DFAR) (van’t Wout, Aleman, Kessels, Laroi, & Kahn, 2004), impiegato per valutare la capacità di riconoscimento delle emozioni facciali ed alla Premorbid Adjustment Scale (PAS) (Cannon-Spoor, Potkin, & Wyatt, 1982) una delle scale di valutazione retrospettiva più utilizzate per indagare il livello di adattamento premorboso in cinque aree fondamentali. In tutti i modelli proposti, l’appartenenza al gruppo dei pazienti risulta spiegare la maggior parte della varianza nel numero di errori commessi al riconoscimento delle emozioni facciali. Ciò significa che, indipendentemente dal livello di compromissione sociale, i pazienti tendono a fare significativamente più errori dei controlli. Tuttavia, l’interazione con i pari nella prima adolescenza mostra di avere un’influenza negativa sul deficit di riconoscimento delle emozioni. Ciò significa che sia l’essere un paziente che l’avere avuto un maggior livello di compromissione sociale con i pari nella prima adolescenza, influenza negativamente la capacità di riconoscere le emozioni facciali, con una buona probabilità che quest’ultimo effetto sia maggiore nei pazienti rispetto ai controlli. I risultati esposti, seppur preliminari, sembrano supportare l’ipotesi di un probabile ruolo giocato dall’adattamento sociale premorboso, evidenziabile a 16 anni nel rapporto con i pari, nelle capacità attuali di riconoscimento delle emozioni facciali. L’idea immediatamente suggerita dal lavoro è quindi quella di utilizzare programmi di alfabetizzazione emotiva nella cura e riabilitazione del paziente per una presa in carico del suo disagio relazionale e supportare i programmi di educazione affettiva nel periodo scolastico, per consentire al bambino di imparare a riconoscere ciò che prova e ciò che potrebbero provare gli altri. In particolare si potrebbero avviare dei programmi che mirino allo sviluppo delle capacità di riconoscere le proprie emozioni, verbalizzarle e gestirle e che abbiano come obiettivo lo sviluppo delle capacità di empatia e di relazione.
Settore MED/25 - Psichiatria
Settore M-PSI/08 - Psicologia Clinica
Ferraro, L., Balatti, S., Seminerio, F., & LA BARBERA, D. (2017). Il riconoscimento delle emozioni facciali all’esordio psicotico.. In L. Baldari, L. Sideli, & D. La Barbera (a cura di), ALLE ORIGINI DELLA PSICOSI (pp. 102-112). Palermo : Nuova Ipsa Editore.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il riconoscimento delle emozioni facciali atti SIPM.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo principale
Dimensione 106.46 kB
Formato Adobe PDF
106.46 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
alle origini della psicosi.pdf

accesso aperto

Descrizione: Copertina e indice
Dimensione 793.55 kB
Formato Adobe PDF
793.55 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/238770
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact