"Come la Urpflanze di Goethe...": unità, coerenza e variazione nella musica di Webern