Sull'affinità e la differenza di storiografia e politica