Hotspots e diritti: un binomio possibile?