Il colosso e il cagnolino. Hackert e il sublime siciliano