Il saggio, partendo dal caso applicativo della Centrale elettrica di Augusta, esprime una riflessione sul valore del patrimonio industriale che, ove riconosciuto tale, è bene da slavguardare e non da demolire, per trasformarlo in una risorsa. Propone pertanto un programma metodologico per il suo recupero e la valorizzazione, in itinerario congiunto con l'adicente sito archeologico di Megara Hyblea.

PRESCIA, R. (2016). Archeologia dell'antico, archeologia del moderno. In E. Palazzotto (a cura di), Re_power station. Reuse of Augusta power station (pp. 211-218). Palermo : Caracol.

Archeologia dell'antico, archeologia del moderno

PRESCIA, Renata
2016

Abstract

Il saggio, partendo dal caso applicativo della Centrale elettrica di Augusta, esprime una riflessione sul valore del patrimonio industriale che, ove riconosciuto tale, è bene da slavguardare e non da demolire, per trasformarlo in una risorsa. Propone pertanto un programma metodologico per il suo recupero e la valorizzazione, in itinerario congiunto con l'adicente sito archeologico di Megara Hyblea.
Settore ICAR/19 - Restauro
PRESCIA, R. (2016). Archeologia dell'antico, archeologia del moderno. In E. Palazzotto (a cura di), Re_power station. Reuse of Augusta power station (pp. 211-218). Palermo : Caracol.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
augusta.pdf

accesso aperto

Dimensione 1.27 MB
Formato Adobe PDF
1.27 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/225061
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact