La nuova retorica dello spazio nell'elegia erotica ovidiana