Il restauro di Giacomo Amato tra storia e storiografia