Una ventata di «legalità probatoria» nel giudizio di seconda istanza