La narrativa di Maria Messina tra eredità verista e testimonianza partecipe