Una geografia dei confini tra passato e modernità