L’annuncio di sé fra vertigine dello sguardo e spazio dell’immagine