Gli anni ’30 e ’40 del Novecento sono fondamentali per la nascita della grande tradizione del reportage fotografico: partendo dal presupposto che la fotografia ha una specifica capacità di rivelare il reale, si delega a essa la responsabilità di raccontare il presente. Eppure contestualmente emerge la consapevolezza che il reportage è un genere, una modalità espressiva che per raggiungere la più completa efficacia ha spesso necessità di essere affiancato da un testo: così nasce per esempio la rivista Life, punto di riferimento indiscusso per questa tradizione fotografica. In questo contesto si inserisce l’attività di documentazione che a partire dal 1937 conduce la Farm Security Administration: Sia lode ora a uomini di fama di James Agee e Walker Evans è il contributo più significativo poiché è capace di rendere al meglio la drammatica situazione della Grande Depressione ponendosi sull’incerto confine che lega le immagini fotografiche al testo. Il contributo si propone di dar conto della nascita e della affermazione della tradizione del reportage, di evidenziare le peculiarità dell’opera di Walker Evans e dei fotografi americani a lui contemporanei ed infine di analizzare il rapporto tra le immagini e il testo in Sia lode ora a uomini di fama.

Crescimanno, E. (2016). Sia lode ora a uomini di fama: un reportage verbale e fotografico. In M. Cometa, R. Coglitore (a cura di), Fototesti. Letteratura e cultura visuale (pp. 117-135). Quodlibet.

Sia lode ora a uomini di fama: un reportage verbale e fotografico

CRESCIMANNO, Emanuele
2016

Abstract

Gli anni ’30 e ’40 del Novecento sono fondamentali per la nascita della grande tradizione del reportage fotografico: partendo dal presupposto che la fotografia ha una specifica capacità di rivelare il reale, si delega a essa la responsabilità di raccontare il presente. Eppure contestualmente emerge la consapevolezza che il reportage è un genere, una modalità espressiva che per raggiungere la più completa efficacia ha spesso necessità di essere affiancato da un testo: così nasce per esempio la rivista Life, punto di riferimento indiscusso per questa tradizione fotografica. In questo contesto si inserisce l’attività di documentazione che a partire dal 1937 conduce la Farm Security Administration: Sia lode ora a uomini di fama di James Agee e Walker Evans è il contributo più significativo poiché è capace di rendere al meglio la drammatica situazione della Grande Depressione ponendosi sull’incerto confine che lega le immagini fotografiche al testo. Il contributo si propone di dar conto della nascita e della affermazione della tradizione del reportage, di evidenziare le peculiarità dell’opera di Walker Evans e dei fotografi americani a lui contemporanei ed infine di analizzare il rapporto tra le immagini e il testo in Sia lode ora a uomini di fama.
Settore M-FIL/04 - Estetica
Crescimanno, E. (2016). Sia lode ora a uomini di fama: un reportage verbale e fotografico. In M. Cometa, R. Coglitore (a cura di), Fototesti. Letteratura e cultura visuale (pp. 117-135). Quodlibet.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Fototesti.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: contributo in monografia tematica
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 2.46 MB
Formato Adobe PDF
2.46 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/179106
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact